lunedì 25 agosto 2014

Frittatine di spaghetti

Quando vivevo a Napoli e non ero ancora vegan, andavo matta per un prodotto tipico delle friggitorie del centro storico: le frittatine di spaghetti. Io e mio marito (allora fidanzato) facevamo spesso tappa da Di Matteo ai Tribunali per divorarne una. 
Ci sono un'infinità di cose che non mi mancano affatto della vecchia alimentazione e che, anzi, sono ben felice di aver abbandonato; ma la frittatina rientrava tra quei desideri da veganizzare che conservo e a cui talvolta dò ascolto. Finalmente ci sono riuscita! Certo, non è una pietanza da poter mangiare spesso, ma come dicevano i latini "semel in anno licet insanire".
E allora insaniamoci per bene :D
Il procedimento, vi avviso, è lunghetto ma davvero semplice. Bisogna solo avere la pazienza di aspettare i tempi giusti, altrimenti si rischia il disastro. 



 
Ingredienti:
250g spaghetti
140g piselli (peso sgocciolato)
2 fettine di seitan grandi
40ml olio evo
40g farina 00
400ml latte di soia al naturale (quindi NON zuccherato)
formaggio vegusto no-muh delicato (facoltativo)
sale
noce moscata

per l'impanatura:
300g farina 00
acqua fresca
pangrattato

Procedimento:
Preparare la besciamella riscaldando un po' l'olio. Spegnere e aggiungere la farina, formando la roux. Aggiungere a filo il latte e mescolare in modo da non formare grumi. Accendere di nuovo sotto la pentola, aggiungere sale e noce moscata e mescolare finché la besciamella non si sarà addensata. Tenete in considerazione che una volta spenta la fiamma continuerà ad addensarsi un pochettino, per cui spegnete un attimo prima.
Mettere a bollire l'acqua per la pasta e una volta pronta versare gli spaghetti precedentemente spezzati (ma non in pezzi piccoli, eh!), aggiungere il sale e cuocere al dente.
Nel frattempo, in un pentolino scaldare un filo d'olio e aggiungere piselli (sgocciolati) e seitan a dadini e far insaporire.
Scolare gli spaghetti e versarli in un recipiente abbastanza capiente in cui poter girare tutto senza spargerlo per la cucina :D Aggiungere un filo d'olio, piselli e seitan, vegformaggio grattuggiato (se lo avete, altrimenti fa nulla) e mescolare. Aggiungere la besciamella e mescolare ancora.
Versare il composto in una teglia che sia abbastanza piccola da creare uno strato di almeno 2-3cm, altrimenti le frittatine saranno troppo sottili e si romperanno. Quella che ho usato io è rettangolare e misura 25x18.
Adagiate bene il composto, schiacciandolo in modo che sia tutto bello compatto.


Lasciare in frigo per almeno 6 ore.
Trascorso il tempo necessario, preparare una pastella con farina e acqua quanto basta per creare un composto denso, ma leggermente fluido. Deve avere, in sostanza, un po' la consistenza dello yogurt per intenderci. In un altro contenitore preparare il pangrattato.
Tagliare la pasta in piccole forme rettangolari, passarla nella pastella aiutandosi con una forchetta (non deve stare troppo, deve essere solo un passaggio, altrimenti la pastella si "infila" nella frittatina e scompone tutto!) e poi, ancora, passarla nel pangrattato.
Proseguire così per tutte le altre. Adagiarle su un vassoio foderato con della carta alluminio e metterle in frigo per almeno 3 ore (io le ho tenute tutta la notte).
Riprendere le frittatine, ripassarle nel pangrattato e friggerle in abbondante olio di arachidi (vi consiglio di usare una pentola stetta e lunga in modo che l'olio ricopra completamente le frittatine, da cuocere una per volta).


Servire ancora calde (ma anche "riposate" hanno il loro bel perché!).

10 commenti:

  1. Già, di tanto in tanto cedere a queste delizie è decisamente appagante!! Guarda qui che meraviglia!!!!!! ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eheheh ogni tanto diventa proprio una specie di medicina :D

      Elimina
  2. Questa deve essere una vera goduria devo provarla a tutti i costi, grazie!

    RispondiElimina
  3. mamma mia, che languore... alle 00,00 ;-)
    me le devo provare asssssolutamente ^_^ grazie per tutti i passaggi così ben spiegati!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eheheheheh effettivamente a quell'ora è proprio un attentato! :D
      Sono una maniaca della precisione, in cucina, e se non spiego passo passo sento di fare le cose a metà :D
      Un saluto, cara Carla :*

      Elimina
  4. Ciao Daniela,
    sai anch'io sono napoletana!
    Condivido, la frittatina è un must!!!
    come si fa a non amarla???
    Questa versione è sicuramente più salutare, brava!
    Però qui le fanno di bucatini ;-)
    ti abbraccio
    Sara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora ci capiamo! :D
      Sì, so che molti la fanno con i bucatini, ma con gli spaghetti secondo me ha comunque il suo perché :D
      Un abbraccio a te :*

      Elimina
  5. Mamma mia... di Napoli ma mancano giusto le frittatine e la pizza! XD
    Povera me... ora dovrò farmi passare questa impellente voglia!
    Veg, poi, non sono mica male, sai? u_u

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh già, le cose buone di Napoli si fanno desiderare!
      E come dici, la versione veg è buonissima! Provala, provala! :D

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...